Alberghina contesta la modifica dello Statuto comunale

Con carattere di estrema urgenza si voterà quest'oggi in Consiglio Comunale una modifica da apportare allo Statuto del nostro Ente con la quale vengono stornate il 3% delle somme disponibili da finalizzare per l'evento Palio dei Normanni. Ferma l'opposizione del consigliere avv. Francesco Alberghina che puntualizza una serie di cose sulle quali certamente riflettere: "Senza nulla togliere all'importanza del Palio dei Normanni, che peraltro è rientrato fra gli eventi finanziati dalla nostra regione, ritengo che questo non sia il momento di concentrare le forze economiche sul settore eventi e turismo, per lo meno non così. Stiamo navigando da un anno in bruttissime acque, veniamo da licenziamenti di decine di persone a causa dei tagli alla spesa sociale, è notorio che questa amministrazione ha chiuso i rubinetti per i servizi sociali e anche se annuncia nuove opportunità da qualche giorno si tratta di progetti a tempo determinato che ovviamente lasciano il tempo che trovano. Parlano di dissesto, piano di riequilibrio e di contro vogliono approvare un emendamento con il quale quei pochi introiti invece di andare a sanare i conti delle nostre casse defluiranno verso una manifestazione di tre giorni. Bisogna dare priorità ai servizi essenziali, occuparsi delle fasce deboli, sanare le casse comunali e poi pensare alle feste, ma questi signori fanno tutto il contrario. Evidentemente non gli è sufficiente l'operazione della Lotteria del Palio, la ricerca spasmodica di sponsor, cercano soldi da tutte le parti preoccupati solo delle feste. " Il fermo NO di Alberghina alla modifica dello Statuto sarà seguito anche dal parere sfavorevole degli altri consiglieri di opposizione, ma il clima non è per niente sereno nemmeno tra i consiglieri di maggioranza, dove malumori e dissenso aumentano di giorno in giorno e trapelano in ogni occasione.

Raffaella Motta